Un fuoco che brucia lento | Paula Hawkins

Scritto da Marta Elena Casanova
fuoco

Ci sono traumi che non passano mai, e alcuni vengono continuamente portati a galla da un destino che non sembra voler lasciare in pace. Così tutte le ferite tornano a bruciare. E a volte, qualcuno, ci rimette la pelle.

Ci sono delle ferite che non potranno mai rimarginarsi del tutto, ferite che ci si porta dietro per una vita. Che anzi, la cambiano la vita, che chissà, magari sarebbe stata totalmente diversa.

Il punto è che sotto alle macerie può esserci ancora e sempre un fuoco attivo, pronto a divampare, a diventare un incendio indomabile, distruttivo. Un esempio di tutto ciò lo troviamo nell’ultimo romanzo di Paula Hawkins intitolato, non a caso, “Un fuoco che brucia lento”, thriller pubblicato in Italia da Piemme.

Hawkins, nota autrice di “La ragazza del treno” e “Dentro l’acqua”, ha abituato i suoi lettori a storie dove niente è come sembra, nessuno è come appare e ognuno può portare con sé traumi che tornano a galla quando meno ce lo si aspetta.

Succede anche in questo caso, quando su Regent’s Canal, a Londra, un giovane uomo di nome Daniel Sutherland viene trovato morto, ucciso nella sua abitazione, una barca.

A trovarlo senza vita è Miriam, la sua vicina. Miriam è una delle tre donne su cui i poliziotti che indagano puntano immediatamente la loro attenzione. Già, perché Miriam è sola e arrabbiata, una tragica esperienza l’ha colpita da ragazzina e da allora porta dentro di sé demoni a cui spesso non riesce a far fronte, ancora di più da quando qualcuno si è impossessato della sua personale storia e non ne ha pagato le conseguenze.

Si parlava di tre donne.

Ed ecco le altre due: una è Laura, l’ultima ad aver visto Daniel vivo, uscita dalla sua barca sporca di sangue. Laura è zoppa a causa di un incidente avuto da bambina. Questo è il suo, di trauma. Quell’incidente ha determinato una lesione cerebrale che porta la giovane donna a non avere alcun filtro, nella parola e nel comportamento, con evidenti e non sempre positive conseguenze.

La terza donna è la zia di Daniel, Carla. Carla è la sorella della madre del ragazzo, anche lei deceduta poco tempo prima, dopo essere caduta, ubriaca, dalle scale. Carla ha sempre avuto a cuore il nipote, ma la vita le ha insegnato che tutti quanti sono in grado di commettere orribili azioni.

Le tre donne raccontate da Hawkins non si conoscono tra loro. A unirle, però, c’è un destino che non ha mai dato loro una mano.

Ma davvero una di loro ha ucciso Daniel?

“Un fuoco che brucia lento” è un romanzo di donne, in cui sopravvivere non è facile, e nessuno è disposto a perdonare facilmente.

“Un fuoco che brucia lento” di Paula Hawkins
31 Agosto 2021, Piemme
Pagine 320
Prezzo di copertina 19,90 euro

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Raccontami di libri (@raccontamidilibri)

Leggi anche

Lascia un commento

* Ho letto e accettato la Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che tu sia d'accordo, ma puoi annullare l'iscrizione se lo desideri. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy