C’è un cadavere al Bioparco | Walter Veltroni

Scritto da Laura Argelati
bioparco

Dopo “Assassinio a Villa Borghese” e “Buonvino e il caso del bambino scomparso”, ecco il ritorno del Commissario Buonvino nato dalla penna di Walter Veltroni.

A coordinare il commissariato di Villa Borghese c’è un uomo amato dai suoi collaboratori per la propria capacità di alternare rigore e allegria, il Commissario Giovanni Buonvino.

Appassionato di musica classica e del Milan, il commissario divide la sua casa con i mici Gullit e Rijkaard, ma da alcuni mesi la sua quotidianità è illuminata dalla presenza nella sua vita dell’agente Veronica Viganò. Una relazione che li vedrà presto unirsi in matrimonio.

Una mattina di giugno, mentre Buonvino sta sorseggiando un caffè, viene informato del ritrovamento di un cadavere al vicino Bioparco. Nella teca di un anaconda è stato rinvenuto il corpo di un uomo. La testa, invece, si trova ancora nello stomaco del rettile.

Per il commissario, gravemente erpetofobico, il caso si preannuncia una tortura. Nel rettilario nessuna serratura appare forzata, nessuna porta sfondata, eppure il corpo non è certo finito da solo – e denudato – nella teca dell’anaconda.

Dalle ricerche frutto dell’arguzia dell’agente Viganò e della meticolosità del collega Portanova, spunterà il nome di un uomo scomparso un paio di giorni prima. Una identità misteriosa la sua: l’uomo era svanito nel nulla nel 1985 per poi ricomparire con un nome falso, fino a due giorni prima della tragedia al Bioparco.

Andrea Rolfo, poi divenuto Gino Maggioni, era detestato da tanti: tra il personale del Bioparco, più di uno aveva un legame con lui, tanto da rendere ognuno un possibile colpevole. Chi avrà messo fine alla vita di Rolfo in modo così cruento?

Sono parecchie le domande a cui Buonvino e i suoi collaboratori dovranno trovare risposte, ma grazie al contributo di ciascuno ogni tassello andrà al suo posto, rivelando la verità.

“C’è un cadavere al Bioparco” è il terzo romanzo firmato da Walter Veltroni ed edito da Marsilio, dopo “Assassinio a Villa Borghese” e “Buonvino e il caso del bambino scomparso”.

La lettura perfetta per chi ama i gialli italiani, i protagonisti ben tratteggiati e le ambientazioni che assumono un ruolo di rilievo nella storia.

“C’è un cadavere al Bioparco” di Walter Veltroni
7 Ottobre 2021, Marsilio
Pagine 224
Prezzo di copertina 14,00 euro

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Raccontami di libri (@raccontamidilibri)

Leggi anche

Lascia un commento

* Ho letto e accettato la Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che tu sia d'accordo, ma puoi annullare l'iscrizione se lo desideri. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy